Il piano di assetto del territorio

Il Piano di Assetto del Territorio (PAT) è lo strumento di pianificazione che delinea le scelte strategiche di assetto e sviluppo per il governo del territorio comunale, individuando le specifiche vocazioni e le invarianti di natura geologica, geomorfologica, idrogeologica, paesaggistica, ambientale, storico-monumentale e architettonica, in conformità agli obiettivi ed indirizzi espressi nella pianificazione territoriale di livello superiore ed alle esigenze della comunità locale.

La Giunta Provinciale di Venezia con delibera n. 7 del 24.01.2014 ha preso atto e ratificato l’approvazione del Piano di Assetto del Territorio del Comune di Caorle avvenuta in sede di conferenza dei servizi decisoria del 11.11.2013.

Il PAT approvato entrerà in vigore trascorsi quindici giorni dalla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Veneto della delibera di Giunta Provinciale n. 07/2014.

Il Piano di Assetto del Territorio approvato (che precedentemente era stato adottato dal Consiglio Comunale in data 15.09.2010, con delibera nr. 48/2010), costituisce il primo e fondamentale strumento con cui la pianificazione comunale viene adeguata alle disposizioni della Legge Regionale Urbanistica nr. 11/2004.

PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO
 pastedGraphic.png
Documenti

  1. Rapporto ambientale preliminare
  2. Documento preliminare
  3. Modulo contributi (il modello pdf può essere compilato direttamente)

pastedGraphic_1.png

  1. Delibera Giunta Comunale 152/2009(versione 09P01-R02)
  1. Slide di presentazione dell’Analisi di Rango
  2. Analisi di Rango

Piano degli interventi

Il Piano degli Interventi (PI) come definito dall’articolo 17 della legge regionale 11 del 2004 diriforma urbanistica, è lo strumento operativo che deve rapportarsi con il bilancio pluriennale comunale, con il programma triennale delle opere pubbliche e con gli altri strumenti comunali settoriali previsti da leggi statali e regionali.

Il Piano degli Interventi si attua attraverso interventi diretti o per mezzo di piani urbanistici attuativi (PUA).

P.A.T.: Adottato con Delibera C.C. n. 1 del 19.01.2016;

TAV 1. Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale;
TAV 1a. Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale-concessioni pozzi termali, BIOCE
TAV 2. Carta delle Invarianti;
TAV 3. Carta delle Fragilità;
TAV 4. Carta della Trasformabilità;
P.0.1a Relazione Tecnica di progetto;parte 1 -parte 2
P.0.1b Relazione Sintetica;
P.0.1c Quaderno degli obiettivi;
P.0.2a Norme Tecniche;
P.0.2b Norme tecniche – allegato dimensionamento;
Quadro conoscitivo in formato digitale.

Elaborati geologici:
Relazione geologica;
Relazione subsidenza;
Stratigrafie geologiche;part 1-parte 2-parte 3-parte 4
Elaborato b.060.3 Carta delle fragilità–compatibilità geologica;
Elaborato c.050.1 Carta litologica;
Elaborato c.050.2 Carta idrogeologica;
Elaborato c.050.3 Carta geomorfologica.

Studio agronomico:
B.4.1 Carta di analisi della SAU;
B.4.2 Carta dell’uso del suolo agricolo;
B.4.3 Carta di analisi del paesaggio agrario;
B.4.4 Carta delle strutture agricole produttive;
B.4.5 Carta di analisi della rete ecologica;
B.4.6 Relazione agronomica.

V.A.S.:
W01a Rapporto Ambientale: stato dell’ambiente;
W01b Rapporto Ambientale:valutazione degli effetti;
W02 Rapporto Ambientale: Scenari di piano;
W03 Rapporto Ambientale–Uso del suolo programmato;
W04 Rapporto Ambientale–Coerenza tra le linee preferenziali di sviluppo e le aree a rischio idraulico;
W05 Sintesi non tecnica;
W06 Relazione conclusiva degli esiti della consultazione;
W07 Rapporto ambientale allegati.

VInCA:
Relazione Valutazione di Incidenza Ambientale.part 1-parte 2-parte 3-parte 4

V.C.I.:
Relazione Valutazione di Compatibilità idraulica.

Skip to content