Misure a sostegno di cittadini ed imprese per Covid-19
Misure straordinarie della Città di Abano Terme a sostegno di attività economiche e cittadini

 

L’Amministrazione comunale ha adottato un pacchetto di misure straordinarie per venire incontro ai cittadini e alle imprese del territorio che in questi giorni stanno vivendo momenti di insicurezza e di difficoltà economiche dovute all’emergenza epidemiologica per il diffondersi del nuovo coronavirus.

Saranno principalmente misure di natura fiscale quelle fiscale che saranno adottate dalla Giunta straordinaria del Comune di Abano Terme prevista per giovedì 5 marzo. Si andrà da una sospensione con slittamento delle scadenze per il pagamento della TARI e della Cosap, a una riduzione delle rette dell’asilo nido e un intervento da subito in promozione e marketing turistico della Città di Abano Terme.

La TARI sia per le utenze domestiche che per le utenze non domestiche (attività economiche) gravante quindi su tutti i privati cittadini e le imprese del territorio aponense verrà versata un mese dopo. Si pagherà quindi entro il 31 luglio, il 30 settembre ed il 30 novembre. Rimarrà anche la possibilità per tutti i contribuenti di pagare in un’unica soluzione entro il 31 luglio.

Discorso analogo vale per la Cosap, il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche gravante principalmente su attività commerciali, pubblici esercizi e ambulanti. Le prime due rata, in scadenza originariamente a fine marzo e fine aprile slitteranno di due mesi e saranno quindi da versare entro il 31 maggio e 30 giugno. Anche la terza rata di luglio subirà una variazione slittando al 31 agosto e infine la quarta rata da versare entro il 31 ottobre. Anche per la Cosap rimane la possibilità per tutti i contribuenti di pagare in un’unica soluzione entro la prima rata utile (il 31 maggio).

Altro intervento deciso dall’Amministrazione comunale riguarda il dimezzamento delle tariffe degli Asili Nido comunali. La misura prevede la riduzione del 50% della retta calcolata per ogni settimana di assenza, scelta che sarà comunque condivisa con il comitato di gestione.

Infine, per dar slancio alla destinazione turistica saranno messi in campo da subito 100.000 euro per attività di promozione e marketing territoriale della Città di Abano Terme e della sua destinazione turistica al fine di veicolare l’immagine di una città che vuole rialzarsi e ripartire già nell’immediato.

 

Skip to content