Altri strumenti urbanistici

Piano delle Acque  

Il Comune di Abano Terme al fine di inquadrare la situazione idraulica del territorio individuando le critichi idrauliche e le relative soluzioni progettuali con lo scopo di ridurre e mitigare il rischio idraulico ha deciso di dotarsi del Piano comunale delle Acque. Tra gli obbiettivi del presente strumento urbanistico si elencano:
– Identificazione delle principali vie di deflusso delle acque meteoriche non limitandosi alle acque pubbliche, ma valutando anche la funzione di canali e fossi privati, nonché di fognature bianche o di tombinature a servizio di centri urbani;
– Ispezione dei manufatti idraulici presenti nella rete idraulica, rilevare le sezioni tipo esistenti e valutarne l’adeguatezza, individuando tutti gli elementi (strozzature, ostruzioni, curve) che possono limitare la funzionalità della rete idraulica
– Individuazione delle competenze amministrative (p.e. Regione, Consorzio di bonifica, Provincia, Comune, altri enti o soggetti privati) dei vari tratti di rete idraulica, delle condotte principali della rete comunale di smaltimento delle acque meteoriche o delle acque miste, dei principali fossi a cielo aperto o tombinati;
– Identificazione delle principali reti fognarie a servizio delle aree urbanizzate e dei principali fossi privati che incidono maggiormente sulla rete pubblica e che, pertanto rivestono un carattere di interesse pubblico;
– Perimetrazione delle aree afferenti ai singoli tratti di rete tubata odi canali di scolo con definizione dei principali parametri idraulici;
– Georeferenziazione dei dati raccolti (reti fognarie, canali consortili, principali fossi privati, impianti, ecc.), delle aree a criticità idraulica e degli interventi risolutivi da programmare;
– Predisposizione di modelli idraulici per individuare le principali criticità idrauliche dovute alla difficoltà di deflusso per carenze della rete minore o della rete fognaria;
– Individuazione delle critichi idrauliche relative alla rete idrografica minore (privata e comunale);
– Individuazione degli interventi di Piano per la risoluzione delle critichi idrauliche;
– Individuazione di apposite “linee guida comunali” per la progettazione e realizzazione dei nuovi interventi edificatori;
– Ipotesi di gestione, contenente indicazioni sulla modulistica da compilare al fine del rilascio delle licenze e concessioni, sui metodi e sui mezzi necessari per la manutenzione ed eventuale regolamento per la corretta gestione e manutenzione dei fossati.

Fanno parte del Piano delle Acque i seguenti elaborati:

  1. Relazione generale di Piano
  2. Schede tecniche interventi previsti nel Piano
  3. Carta degli interventi
  4. Carta delle risultanze di modello
  5. Regolamento di Polizia idraulica

 

Piano comunale di classificazione acustica 

Il piano acustico pianifica gli obiettivi ambientali di un’area in relazione alle sorgenti sonore esistenti per le quali vengono fissati dei limiti. La classificazione acustica consiste nella suddivisione del territorio comunale in aree acusticamente omogenee a seguito di attenta analisi urbanistica del territorio stesso tramite lo studio della relazione tecnica del piano regolatore generale e delle relative norme tecniche di attuazione. L’obiettivo della classificazione è quello di prevenire il deterioramento di zone acusticamente non inquinate e di fornire un indispensabile strumento di pianificazione dello sviluppo urbanistico, commerciale, artigianale e industriale.

Fanno parte del Piano Comunale di classificazione acustica i seguenti elaborati:

  1. Approvazione Piano Acustico ( Delibera C.C. n° 84 del 17/11/2003)
  2. Modifica Piano Acustico con introduzione fascia classe IV (Delibera C.C. n. 58 del 24.11.2008)
  3. Norme tecniche di attuazione
  4. Tavola 1 – periodo normale
  5. Tavola 1 – periodo termale
  6. Tavola 2 – periodo normale (D.C.C. n. 58/2018)
  7. Tavola 2 – periodo termale (D.C.C. n. 58/2018)

 

Piano di localizzazione Stazioni Radio Base per la telefonia mobile

Il Piano Antenne ed il relativo regolamento rappresentano lo strumento con cui il Comune intende disciplinare il processo di localizzazione degli impianti di telefonia mobile sul proprio territorio.

 

  1. Approvazione Piano localizzazione SRB (Delibera C.C. n° 63 del 14/11/2018)
  2. Mappa delle localizzazioni nel territorio comunale
  3. Relazione tecnica – Piano territoriale
  4. Relazione tecnica – Analisi di Elaborati e Rappresentazioni Grafiche impatto Elettromagnetico (Stato attuale)
  5. Relazione tecnica – Analisi di Elaborati e Rappresentazioni Grafiche Impatto Elettromagnetico (Stato implementato)
  6. Regolamento comunale per l’installazione delle stazioni radio base per la telefonia mobile
Skip to content